sabato 26 gennaio 2013

Le rotelle dei ricordi

Alzi la mano chi facendo la spesa si è chiesto cosa fossero quelle “palle” rosso-fucsia messe sottovuoto accanto alle insalate pronte all’uso! Sono le barbabietole (o rape rosse)! E non nascono decisamente già sottovuoto… Sono delle radici, in realtà un po’ dimenticate, piene zeppe di proprietà benefiche, dei veri concentrati di benessere (qui e qui potete approfondire) che in commercio, a meno che non abbiate un super spacciatore di verdure bio, si trovano soprattutto già cotte al vapore e sottovuoto.





Mi ricordo che le mangiavo abbastanza frequentemente in Germania da bambina, poi sono “sparite” dal nostro frigo, finché non ho trovato il mio famoso spacciatore che me le ha fatte riscoprire. In realtà, oltre a fare benissimo, a me piacciono proprio tanto, mi fanno tornare bambina ed, oggettivamente, averne un pacco sempre in frigo risolve tante cene o pranzi al volo! Sono ottime per dare colore ad un’insalata o in una teglia-svuota-frigo (qui la ricetta originale), tagliate a fette e condite con pepe olio sale e limone oppure… per fare una pasta che vi lascerà a bocca aperta, dal colore mai visto, rapida, dietetica, gustosa ed insolita! Bambini schizzinosi? Inventatevi qualche storia legata a questa pasta color rosso rubino dal sapore delicato e vedrete che non ne lasceranno neanche un po’!



Mettiamoci subito all’opera!



Vi serviranno una pentola per la pasta, una bella padella antiaderente, un tagliere ed un coltello a lama liscia, uno scolapasta, mestoli di legno, una ciotolina e:



-barbabietole pre-cotte

-prosciutto crudo (o speck)

-cipolla (o porro)

-salvia

-pasta (io ho usato le rotelle, anche queste mi ricordano la mia infanzia, la mia nonna sergente di ferro, ma non so perché!)

-olio evo

-sale e pepe nero

-vino per sfumare



Iniziate preparandovi tutti gli ingredienti e metteli da parte: quindi, tagliate sottilmente la cipolla, sgrassate il crudo (se non siete a dieta vi concedo di non farlo… anche se…) e tagliatelo a striscioline, tagliate le calotte alle barbabietole e sbucciatele e riducetele a dadini.

A questo punto, mettete sul fuoco la pentola e mentre aspettate che raggiunga il bollore e si cuocia la pasta, preparate il condimento.

Mettete a stufare a fuoco bassissimo la cipolla e la salvia nella padella con un goccino d’acqua. Quando è totalmente evaporata aggiungete il crudo e alzate un po’ la fiamma. Fate “rosolare” per bene il crudo e sfumate con il vino. Fate evaporare anche il vino e aggiungete i dadini di barbabietola e un po’ del liquido che trovate nella confezione, salate e pepate secondo i vostri gusti. Fate cuocere per qualche minuto per far amalgamare bene i sapori, aiutandovi con qualche cucchiaio d’acqua di cottura della pasta.

Scolate la pasta, prima, però, ricordatevi di tenere da parte una ciotolina d’acqua di cottura, e tuffatela nella padella con il condimento. Fate amalgamare pasta e condimento, finché tutte le vostre rotelle non saranno tutte belle fucsia (in caso aggiungete un po’ dell’acqua tenuta da parte), impiattate, un’altra spolverata di pepe nero e un filo d’olio a crudo e…



Buon appetito!

2 commenti: